Materie prime: sarà il comparto con le migliori performance nel 2017?

 

Il settore delle commodities o materie prime conta sempre più affezionati. Ma qual è il segreto di questo settore?

 

Te lo spiego subito, sul settore delle materie prime nel 2017 permane la tendenza positiva iniziata lo scorso anno. E anche per i prossimi mesi l’aspettativa rimane sicuramente positiva per la maggior parte dei comparti merceologi di materie prime. Il conseguente rialzo dell’inflazione sia in Europa che in USA potrebbe infatti convogliare un gran numero di investitori sulle commodities. Puoi vedere con i tuoi occhi quello di cui sto parlando nei grafici sottostanti.

 

CRB Index

CRB index (Commodity Research Bureau, ovvero l’indice delle commodities che è il risultato di ben 23 materie prime, tra metalli industriali, soft commodities, alimentari, energia e metalli preziosi – si può operare attraverso l’ETF DBC)

 

Inflazione Europa e USA

Inflazione Europa e USA

 

Le materie prime possono essere utilizzate come copertura naturale contro l’inflazione. Essendo le commodity un prodotto reale e fisico (sebbene poi scambiate con prodotti finanziari) reagiscono bene al rischio d’inflazione e sono tra i pochi prodotti finanziari che lo fanno.

 

E il rischio?

Innanzitutto trovare il timing.
Trovare il momento perfetto per investire non è sempre facile e il prezzo delle materie prime può risultare particolarmente volatile in alcuni periodi.
Questo però non ci deve spaventare. La soluzione è data dal COMMODITY SPREAD TRADING, una strategia d’investimento in materie prime che ci permette di creare un hedging, una copertura, che consente di ridurre la volatilità dei prezzi, di diminuire il capitale iniziale richiesto per investire e di seguire i cicli stagionali con maggiore facilità.

 

Un esempio concreto di spread trading

Nelle dirette del Trading Club Multiday già da fine del 2016 abbiamo parlato della possibile convenienza di un investimento sul Mais e per cogliere questa opportunità sul mercato possiamo scegliere tra prodotti finanziari differenti. Ipotizzando di aver scelto lo stesso momento per avviare l’operazione vediamo due alternative:

1) Acquisto del Future sul Mais (ZC) con scadenza Maggio 2017.

 

Acquisto del Future sul Mais

Acquisto del Future sul Mais (ZC) con scadenza Maggio 2017

 

 

2) Spread: acquisto del Future sul Mais (ZC) con scadenza Maggio 2017 + contemporanea vendita (a copertura e protezione) del Future sul Mais (ZC) con scadenza Dicembre 2017.

 

Spread_acquisto del Future sul Mais

Spread_acquisto del Future sul Mais

 

Di seguito un riepilogo dell’operazione:

 

STRUMENTO PREZZO INIZIALE / PREZZO ATTUALE CAPITALE RICHIESTO GUADAGNO RITORNO
1)      Singolo Future 350 / 380 1125$ 1500$ +133%
2)      Spread -25 / -18 175$ 350 $ +200%

 

Dopo questo esempio possiamo facilmente intuire come l’operatività in spread a parità di rischio e capitale permetta di massimizzare al meglio i rendimenti nel trading in materie prime. Non solo, contemporaneamente riduce anche il rischio, infatti in alcune giornate in cui il singolo future è sceso, lo spread è sceso meno o è rimasto laterale.

 

Non solo lo spread trading ci permette di ottenere rendimenti superiori, ma ci garantisce la possibilità di operare sui mercati con maggiore tranquillità, riducendo la volatilità e rendendo il trading un’attività più rilassata che impiega poco tempo e adatto ad essere affiancato alla vita di tutti i giorni nonostante i soliti impegni quotidiani di lavoro e famiglia.

 

Ti sembra tutto troppo complicato?

Lo posso capire. Ma posso dire con tranquillità che lo spread trading non è più complicato di altri prodotti, anzi partecipando a sessioni di live trading la sera a mercato aperto è molto più facile di quello che sembri.

Vieni a scoprire tutti i nostri corsi: saremo lieti di farti un’offerta personalizzata!

 

Matteo Anelli

Analista e Top Trader in Commodity Spread, scrive di commodities e anima quotidianamente il Trading Club Multiday.

Latest posts by Matteo Anelli (see all)