Spread Trading: il CRB punta alla crescita

spread trading traguardi 2016

Le obbligazioni pagano meno di una slot machine cinese e con il mercato azionario sui massimi ci sono molti titoli “stanchi”, sei alla ricerca di buoni affari?

Le potenzialità di guadagno sono piuttosto scarse. E allora?

Non ti preoccupare ci sono ancora degli asset su cui investire e per i quali l’affare è proprio dietro l’angolo.

Spread Trading in Materie Prime

Sto parlando di qualcosa di tangibile, qualcosa che sta alla base della nostra vita, qualcosa che vediamo quasi tutti i giorni e che possiamo anche imparare a monitorare, qualcosa che accompagna le nostre giornate ed è comune come un caffè, le materie prime.

Perché investire ora in materie prime?

Il grafico del CRB index, l’indice generale delle materie prime, si trova sui minimi degli ultimi 16 anni, 

indice crb materie prime per spread trading

e nonostante la ripartenza che vediamo dal 2016, guidata da petrolio e oro, ci sono ancora molti settori merceologici enormemente sottovalutati e quindi con incredibili possibilità di crescita.

Molte ricerche economiche (esempio Murphy) ci suggeriscono che le materie prime tendono spesso ad anticipare i tassi di interesse nei loro movimenti importanti di circa sei mesi.

Il perché di tutto ciò è piuttosto intuitivo: il prezzo delle materie prime incide in modo decisivo sia sui costi aziendali sia sulle spese dei consumatori, influenzando tutto il tessuto economico.

Devi sapere, infatti, che le materie prime muovendosi solitamente in maniera inversa ai corsi azionari risultano un ottimo strumento per diversificare il portafoglio; non solo, essendo beni veri e reali devono essere prodotti, estratti o raccolti e quindi seguono dei cicli semplici che grazie al susseguirsi delle stagioni si ripetono ogni anno e ci danno un grosso aiuto per prevederne l’andamento e il prezzo.

E il rischio?

Innanzitutto trovare il timing.

Trovare il timing perfetto per investire non è sempre facile e il prezzo delle materie prime può risultare particolarmente volatile in alcuni periodi.

Questo però non ci deve spaventare. La soluzione è data dal COMMODITY SPREAD TRADING, una strategia d’investimento in materie prime che ci permette di creare hedging, una copertura che consente di ridurre la volatilità dei prezzi, di diminuire il capitale iniziale richiesto per investire e di seguire i cicli stagionali con maggiore facilità.

Ti sembra tutto troppo complicato?

Lo posso capire. Ma posso dire con tranquillità che lo spread trading non è più complicato di altri prodotti, anzi partecipando a sessioni di live trading, la sera a mercato aperto, è molto più facile che imparare tanta teoria.

Lunedì 10 ottobre alle ore 21 darò una dimostrazione pratica dove potrai conoscere le potenzialità delle materie prime oltre ai miei risultati personali degli ultimi 6 anni: avrai la possibilità anche di unirti alla nostra squadra e confrontarti effettivamente con tutti i nostri professionisti in tema di investimenti e strumenti finanziari.

 

Matteo Anelli
  • 94 Posts
  • 4 Comments
Analista e Top Trader in Commodity Spread, scrive di commodities e anima quotidianamente il Trading Club Multiday.