Spread: Cotone alle stelle, e noi l’avevamo previsto!

Spread trading: Come abbiamo previsto il picco del Cotone

Chi come noi opera attraverso il Commodity Spread Trading, ha probabilmente affrontato o quantomeno visto almeno un paio di spread, sto parlando di Live Cattle e Cotton.

Queste due commodity hanno avuto un andamento davvero molto anomalo rispetto alla storia passata, ma anche rispetto alle tradizionali logiche di questo mercato.

 

Live Cattle

 

 

Cotone

 

Il fattore scatenante: l’arbitraggio volumetrico

È ormai da tempo che noi di Assistenza Brokers parliamo all’interno dei nostri palinsesti di trading dal vivo di questo genere di anomalie, che sono state ribattezzate con il nome di “Arbitraggio Volumetrico”.

In particolare, sul cotone abbiamo individuato questa situazione in anticipo, ed esattamente il giorno precedente e se continui a leggere scoprirai come abbiamo fatto.

Il crescente numero di trader privati operanti nel mercato delle commodities e quindi un crescente utilizzo dei classici software statistici (MRCI e SA) ha reso i piccoli investitori delle ghiotte e facili prede per le cosiddette mani forti del mercato.

 

Il caso del Cotone

Per fare un immediato esempio lo spread sul Cotone (+Dicembre17 – Luglio17) era la prima proposta di MRCI per il mese di Maggio. Un’operazione che tutto il mondo poteva vedere e fare.

In effetti, per le “regole” della tecnica dello spread, questa operazione aveva tutte le carte in regola per diventare un’ottima opportunità d’investimento: prezzi buoni, ottime medie storiche e l’inizio di un periodo stagionale favorevole. Tutti questi fattori hanno permesso di attrarre un numero crescente di investitori privati giorno dopo giorno.

Devo anche dire che le mani forti, ovvero gli operatori istituzionali, sono sempre più bravi a costruire questi autentici TRAPPOLONI.

Infatti, appena il periodo stagionale inizia (vedi inizio linea verde nel grafico sottostante) spingono i prezzi nella direzione preventivata dalla maggior parte del mercato. In questo modo ancora più operatori vengono attratti, e quando nella rete è ormai finito tutto il cosiddetto parco buoi sbandano il prezzo nella direzione opposta.

 

 

Tutto questo viene ulteriormente amplificato dal fatto che i piccoli operatori hanno nella maggior parte dei casi anche dei piccoli conti, quindi non si possono giustamente permettere delle stop loss molto lontane.

Anche se il prezzo viene fatto sbandare solo di poco, tutti gli ordini di chiusura fanno ulteriormente sfasare il prezzo in maniera ancor più amplificata ed è per questo che tutta la situazione aumenta all’aumentare di trader e stop loss in quello specifico mercato.

 

Come è nato il sospetto

Se ci fosse stata una condizione fondamentale a giustificare dei rialzi così forti sulla scadenza di Luglio17, anche Dicembre17, seppur con meno intensità, avrebbe dovuto avere una sessione di borsa molto positiva.

Per esempio:

Luglio 17: + 6%

Dicembre 17: +3%

Invece la realtà dei fatti era diversa. Proprio per il fatto che avviene attraverso l’esecuzione di ordini contrari (ordini stop), nelle prime giornate dell’Arbitraggio Volumetrico la scadenza di Dicembre continuava ad essere shortata attraverso i tanti stop loss presenti.

I dati più vicini alla realtà erano invece questi:

Luglio 17: + 3%

Dicembre 17: vicino allo 0%

 

Nel video qui sotto puoi vedere come ci siamo comportati noi per evitare di farci risucchiare dall’arbitraggio volumetrico.

 

Conclusione

A mio avviso, questa tendenza può essere un segnale di forte pericolo per i piccoli investitori, che se dovessero rimanere distratti da queste evoluzioni verrebbero come al solito divorati dagli squali. Un’altra possibilità è quella di trarre vantaggio da questo cambiamento e sfruttare insieme nuove opportunità.

 

Perché ricordate sempre che per quanto un mercato possa cambiare avremo sempre delle possibilità di profitto. Se siamo flessibili nel nostro modo di pensare, non solo possiamo continuare a guadagnare ma potremo avere un vantaggio competitivo rispetto ad altri investitori.

 

 

Quindi siamo qui con il mirino puntato per SFRUTTARE IL RIENTRO DELL’ARBITRAGGIO.

Vi aspettiamo nel TRADING CLUB per affrontare insieme questa bellissima opportunità.

 

 

Matteo Anelli
  • 93 Posts
  • 4 Comments
Analista e Top Trader in Commodity Spread, scrive di commodities e anima quotidianamente il Trading Club Multiday.