Macroeconomia: calma piatta all’orizzonte

macroeconomia

Possiamo ritenere questa seconda settimana di aprile particolarmente tranquilla dal punto di vista della macroeconomia.

Analizziamo, comunque, alcuni appuntamenti che potranno influenzare la nostra attività di trading.

MACROECONOMIA: non sottovalutiamo la tranquillità

Lunedì

Gionata particolarmente tranquilla. Non sono presenti dati macroeconomici rilevanti.

 

Martedì

L’unico dato interessante da tenere in considerazione è il CPI sulla sterlina (GBP) delle 10:30. Viste le sue variazioni storiche non possiamo determinarne alcuna possibilità statistiche a nostro vantaggio.

 

Mercoledì

Sono previsti tre dati importanti alle 14:30: Retail Sales, Core Retail Sales e PPI. I primi due, inerenti alle vendite, saranno importanti per avere un’idea più chiara della struttura consumistica americana.

Alle ore 16:00, sarà poi il turno della banca centrale canadese. Non ci attendiamo novità di rilievo ma chi opera su questa valuta deve prestare attenzione alla volatilità che verrà a crearsi. Valutiamo attentamente gli eventuali size operativi. Seguirà alle 17:15 la consueta conferenza stampa.

Alle 16:30 è previsto il rilascio dei dati sulle scorte americane di petrolio.

 

Giovedì

Il primo dato interessante riguarda l’occupazione australiana, previsto alle 3:30. 

Ci spostiamo al primo pomeriggio, ore 13:00. Concentriamoci sulla conferenza stampa delle Banca centrale inglese. Non ci dovrebbero essere particolari novità ma ci stiamo avvicinando all’importante referendum di giugno quindi attenzione all’aumento della volatilità e agli importanti “scossoni” di mercato che potrebbero seguire.

Nel pomeriggio, ore 14:30, prestiamo attenzione al CPI americano. Ci aspettiamo un miglioramento della componente generale visto il pessimo risultato dello scorso mese, connesso a una stabilità del paniere Core CPI.

 

Venerdì

Attenzione, alle 16:00, al Preliminary Consumer Sentiment americano. Ci aspettiamo ulteriori conferme della forza del dato.

 


GLOSSARIO

CPI (GBP)

Cosa misura: Variazione nel prezzo dei beni e servizi acquistati dai consumatori

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta. 

Frequenza: Rilasciato mensilmente, circa 16 giorni dopo la fine del mese considerato.

Perché è importante per i trader: i prezzi al consumo rappresentano la maggior parte dell’inflazione generale. Essa è importante per la valutazione della moneta perché l’aumento dei prezzi porta la banca centrale ad alzare i tassi di interesse nel rispetto del suo obiettivo, il contenimento dell’inflazione.

 

Core Retail Sales – Retail Sales (USD)

Cosa misura: Variazione del valore totale delle vendite al dettaglio.

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta. 

Frequenza: Rilasciato mensilmente, circa 13 giorni dopo la fine del mese considerato.

Perché è importante per i trader: È l’indicatore primario della spesa dei consumatori, la quale rappresenta la parte più consistente dell’attività economica complessiva.

 

PPI (USD)

Cosa misura: Variazione del prezzo dei beni e servizi finiti venduti dai produttori.

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta 

Frequenza: Rilasciato mensilmente circa 14 giorni dopo la fine del mese.

Perché è importante per i trader: È un indicatore anticipatore dell’inflazione al consumo. Quando i produttori pagano di più per prodotti e servizi i maggiori costi sono solitamente trasmessi al consumatore finale.

 

Crude Oil Inventories (USD)

Cosa misura: Indice di diffusione basato sulle interviste ai responsabili acquisti nel settore delle costruzioni.                    

Frequenza: Rilasciato settimanalmente, 4 giorni dopo la fine della settimana considerata.

Perché è importante per i trader: Influenza il prezzo dei prodotti petroliferi ma anche l’inflazione e la crescita delle industrie che utilizzano il petrolio come materia prima.

 

Employment Change (AUD)

Cosa misura: Variazione del numero di impiegati durante il mese precendente.

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta. 

Frequenza: Rilasciato mensilmente, circa 10 giorni dopo la fine del mese considerato.

Perché è importante per i trader: La creazione di occupazione è un importante indicatore anticipatore della spesa dei consumatori, il quale rappresenta la maggior parte dell’attività economica complessiva.

 

CPI (USD)

Cosa misura: Variazione nel prezzo dei beni e servizi acquistati dai consumatori

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta. 

Frequenza: Rilasciato mensilmente, circa 16 giorni dopo la fine del mese considerato.

Perché è importante per i trader: i prezzi al consumo rappresentano la percentuale più consistente dell’inflazione generale. È importante per la valutazione della moneta perché l’aumento dei prezzi porta la banca centrale ad alzare i tassi di interesse nel rispetto del suo obiettivo, il contenimento dell’inflazione.

 

Preliminary Consumer Sentiment (USD)

Cosa misura: Livello dell’indice composto sulla base dei consumatori intervistati.

Effetti sulla valuta: Attuale > Previsione = buono per la valuta. 

Frequenza: Rilasciato mensilmente, verso la metà del mese considerato.

Perché è importante per i trader: la fiducia finanziaria è un indicatore anticipatore della spesa dei consumatori, la quale rappresenta la maggior parte dell’attività economica complessiva.

 

 

 

 

Il Team di AB
  • 297 Posts
  • 3 Comments
Il Team di Assistenza Brokers e Alpha4All ti mettono a disposizione le loro conoscenze su trading e investimenti per farti accelerare sui mercati!