in

Groupon: si intravede una luce

groupon

Quasi tutti noi conosciamo Groupon (Ticker: GRPN), una delle prime società ha mettere in pratica una cosa tanto semplice quanto geniale, promuovere attività commerciali non in modo statico e a costi fissi, come è sempre stata la pubblicità tradizionale, bensì promuovere prodotti specifici e remunerazione a provvigione.

GROUPON: dalle stelle alle stalle, e adesso?

Fondata recentemente (2008), quando molti di noi pensavamo che sul web si fosse già inventato quasi tutto, è cresciuta vorticosamente sino a ricevere un’offerta di acquisto da parte di Google per una cifra di 6 miliardi di dollari.

Nel 2011 gli azionisti optano per la quotazione al Nasdaq.

Inizialmente, la quotazione del titolo era compresa tra i 20 e 30 dollari per poi precipitare a 3 dollari sotto il peso dei costi di struttura troppo ingenti e la concorrenza sempre crescente che ne hanno ridotto la marginalità.

Dopo un parziale recupero dei prezzi nel 2013, assistiamo a una nuova discesa culminata con i minimi di febbraio 2016 in area 2 dollari, arrivando a capitalizzare poco più di 1 miliardo di euro.

A fine 2015, la società prende di petto la situazione, e licenzia 1/3 dei dipendenti e chiude molte filiali, cercando di ridefinire i centri di costo e la struttura organizzativa.

Alla luce di questa riorganizzazione culminata anche con il cambio di parte del management, la società attira l’attenzione dei fondi di investimento (Atairos con il 3.25%), e stringe nuovi accordi commerciali con i big del settore come Comcast (Ticker: CCV).

Sulla scia di questi eventi e grazie alla riconquistata fiducia dei mercati, le quotazioni hanno un rapido rialzo con volumi elevatissimi, culminato con un massimo di periodo a 5 dollari in marzo, per poi ripiegare marginalmente.

groupon

Grafico GRPN, 5 anni candele settimanali

 

Potremmo essere di fronte a un’inversione di lungo periodo la cui conferma si avrebbe alla rottura decisa e con volumi significativi del massimo di periodo a 5,2 dollari, che corrisponde anche a una resistenza di lungo periodo.

Le quotazioni sembrano avere imboccato una fase correttiva nel breve periodo e potremmo assistere anche a un fisiologico e auspicabile ritracciamento in area 3.5-3.7 ai cui livelli si potrebbe valutare una prima entrata in ottica rialzista.

 

a cura di Corrado Bertolini

 

In ottica operativa, Assistenza Brokers propone:

Aspettando che il titolo ritracci in area 3.75/3.5 si può pensare di acquistare call a basso prezzo (strike da valutare al momento) o procedere all’acquisto diretto di azioni per sfruttare una visione rialzista di medio/lungo periodo.

 

Non sai come impostare quest’operazione sulla tua piattaforma simulata?

Clicca qui e guarda i nostri interi percorsi, base e avanzato, completamente ad accesso libero sulla TRADER WORKSTATION!

 

Non sai come operare in opzioni?

Clicca qui e impara comodamente le tecniche dei migliori traders di Interactive Brokers con il nostro CORSI DI TRADING in OPZIONI ad accesso libero!

 

Scritto da Il Team di AB

Il Team di Assistenza Brokers e Alpha4All ti mettono a disposizione le loro conoscenze su trading e investimenti per farti accelerare sui mercati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dichiarazione fiscale

Dichiarazione Fiscale: estrapolazione dati su Interactive Brokers

risk navigator

TRADER WORKSTATION: il Risk Navigator