Donald Trump: secondo cigno nero

donald trump

Quest’oggi non posso far altro che parlare delle elezioni americane e del nuovo presidente in carica Donald Trump. A meno di 5 mesi dalla Brexit ecco il secondo evento che condizionerà in una maniera o nell’altra il futuro dei mercati.

Donald Trump: cosa accadrà?

L’esito inaspettato delle elezioni ha sorpreso i mercati e causato un’esplosione della volatilità su tutti i listini provocando una vendita massiccia degli asset più rischiosi poi recuperato con il passare delle ore.

Dopo la giornata di ieri risulta difficile valutare il futuro delle borse in quanto occorrerà capire le vere intenzioni del nuovo presidente.

Partendo dal mercato valutario la politica di de-globalizzazione che presumibilmente attuerà Donald Trump porterà un impatto negativo sulla produttività della nazione e il conseguente indebolimento del dollaro. Abbiamo, già ieri, assistito ad una discesa della valuta contro tutte le altre principali monete, poi recuperata, conseguenza diretta della diminuzione dei tassi dei titoli di stato americani e delle mosse incerte che attuerà prossimamente la Fed.

Le politiche di de-globalizzazione e quelle sull’immigrazione faranno soffrire nel medio lungo termine i paesi emergenti che, con il calo delle materie prime ed in particolare del petrolio, non avranno vita facile.

A proposito di materie prime, grazie all’incertezza, l’oro, essendo bene rifugio, sta invece rialzando la testa e con la discesa del dollaro acquisirà nel futuro prossimo sempre più forza portandolo, secondo gli analisti, ai massimi livelli raggiunti nel 2014.

Per quanto riguarda invece il mercato azionario dopo lo shock generale dei listini nel pre-market, reazione abbastanza scontata, per il futuro l’analisi dei singoli settori sarà legata sempre alle politiche monetarie che attuerà Donald Trump.

Sicuramente avremo un ritracciamento del settore riguardante le energie pulite, solari ed eoliche. Ci si aspetta invece un rialzo per il settore delle infrastrutture ed in particolare del comparto delle costruzioni in quando il nuovo leader ha dichiarato di voler spendere addirittura il doppio rispetto al capitale finora investito per questo settore.

Ovviamente risulta difficile prevedere un futuro per quanto riguarda i diversi strumenti finanziari infatti, in questi primi giorni, non è consigliabile prendere nuove posizioni sui mercati perché anche nuove dichiarazione possono influenzare in maniera importante tutti i listini.

In questi particolari eventi la cosa peggiore che un investitore possa fare è quella di farsi prendere dal panico e prendere decisioni avventate, grazie al nostro Multiday Club e tutta la nostra community siamo riusciti a bilanciare al meglio il nostro portafoglio, come?

Guarda questa diretta!

[embedyt] http://www.youtube.com/watch?v=ZDUIqoNk3rk[/embedyt]

 

Paolo Zambarbieri
  • 92 Posts
  • 17 Comments
Esperto di pair trading, è Top Trader e analista del mercato azionario, nonché co-creatore del metodo Beta Trading. In aggiunta, è un fine conoscitore delle Opzioni Vanilla e della piattaforma di trading online Trader WorkStation (TWS) di Interactive Brokers.