Domanda e offerta di mercato: le variabili

Le variabili che incidono nella determinazione di domanda e offerta – Sommario

  • Gli operatori sul mercato finanziario si dividono in commercial, non-commercial, small trader.
  • Gli istituzionali utilizzano tecniche come l’HFT per fare trading, modificando l’equilibrio di domanda e offerta.
  • Il fenomeno del buy-back incide sul prezzo delle azioni;
  • Le aspettative modificano in anticipo i prezzi del mercato.

Domanda e offerta: come si modificano i prezzi di un sottostante finanziario

Nello scorso articolo abbiamo visto come i prezzi di una materia prima dipendono dalla domanda e offerta degli operatori. Come anticipato però, ci sono altri fattori importanti da considerare. Innanzitutto, chi sono gli acquirenti e i venditori di un bene finanziario? Esistono diverse categorie di investitori che agiscono sul mercato. Vedremo quindi come gli istituzionali hanno un ruolo decisivo nel mercato e come le aziende a volte acquistano “le proprie azioni”.

Gli operatori sul mercato

Prendiamo in considerazione il mercato delle materie prime, ad esempio il grano. La necessità di acquisto è principalmente per gli imprenditori agricoli che hanno bisogno di questa materia prima per il loro lavoro. Mentre altri operatori come noi trader, lo acquistano e lo vendono solo per fini economici.

Commitments Of Trader (COT) Report: che cos’è

Il Commitments Of Trader (COT) è un particolare report che divide l’enorme mondo degli operatori finanziari in 3 categorie:

  • Commercial.

In questa categoria sono presenti coloro che acquistano/vendono lo strumento finanziario per “copertura”. Se un operatore produce grano per evitare una svalutazione della materia prima, vende sul mercato il sottostante. Così se il prezzo dovesse scendere, sarebbe protetto da grandi perdite.

  • Non-commercial.

Sono i fondi e gli hedge fund che acquistano e vendono il sottostante in modo speculativo. Non hanno un bisogno della materia prima fisica, in quanto speculano sul possibile rialzo e ribasso dei prezzi.

  • Small trader

Sono i piccoli investitori, tra cui noi. Anche noi speculiamo sulla possibilità che il prezzo del sottostante cambi.

Commitments Of Trader (COT) Report: come funziona

Il COT report permette di conoscere il numero di posizioni detenute dai vari operatori di mercato. Di conseguenza queste informazioni ci consentono di capire in che modo sono esposti i grandi investitori. Così facendo, possiamo migliorare la nostra operatività, seguendo i “pesci grossi del mercato”. Se desideri saperne di più, abbiamo dedicato un articolo al COT report sul nostro Trading Journal disponibile a questo link.

Gli operatori istituzionali e gli HFT

Di queste tre categorie, una in particolare ha una grande influenza sui prezzi nel mercato. Mi riferisco ai non commercial tra cui i grandi operatori istituzionali.

Perché sono così decisivi?

  1. Muovono grandi quantità di denaro.

Possono modificare fortemente la domanda di un determinato titolo/materia prima, soprattutto se lo strumento è poco liquido (ovvero quando ci sono pochi volumi).

  1. Usano tecniche di High Frequency Trading (HFT).

Che cos’è? L’High Frequency Trading (HFT) è un modo di fare trading che sfrutta strumenti tecnologici avanzati e algoritmi complessi. Quest’ultimi hanno l’obiettivo di acquistare o vendere titoli in modo molto rapido. A volte più posizioni possono durare anche meno di un secondo.

In questo modo gli istituzionali riescono ad entrare e ad uscire dal mercato molto velocemente e in maniera automatica. Questo tipo di operatività porta sicuramente a cambiare il prezzo in maniera decisiva visti i grandi volumi che muovono. 

Come dimenticare il famoso flash crash del 6 maggio 2010, quando fra le 14.42 e le 15.07, i prezzi scesero fino a un 9% su S&P e Dow Jones per poi recuperare velocemente. 

Noi di Assistenza Brokers e Alpha4all abbiamo imparato a sfruttare al meglio i movimenti degli HFT, trasformando una difficoltà di mercato in un punto di forza. Abbiamo approfondito la tematica in questo articolo

Domande e offerta e il fenomeno del buy-back

Un altro modo inconsueto in cui i prezzi (in questo caso di azioni) si modificano è il buy-back. Cosa si intende? Parliamo di buy-back quando le aziende acquistano le proprie azioni. Perché dovrebbero farlo? Se vuoi approfondire ti lascio il link di un articolo del nostro trading journal.

Al di là della motivazione, possiamo intuire come il fenomeno del buy-back porti ad un aumento del prezzo di un’azione. Infatti seppur non sia aumentata la domanda degli operatori, è cambiato il prezzo dell’azione. Questo accade perché sul mercato sono disponibili meno azioni e perciò vi è una diminuzione dell’offerta del sottostante.

Prezzo di un titolo e aspettative

Come spesso detto, il prezzo di un titolo rappresenta l’equilibro fra la domanda e l’offerta. Non sempre però un prezzo rispecchia il vero andamento di un titolo. Infatti a volte capita che un’azienda abbia delle impennate del prezzo in borsa, nonostante gli utili dell’azienda non siano ottimali. Perché?  Il motivo è che il mercato sconta le aspettative. 

Gli operatori prezzano un’azione per le aspettative future. Perciò seppur gli utili di quell’anno siano più bassi dell’anno precedente, magari il prezzo dell’azione è aumentato vertiginosamente grazie alla presentazione di un progetto futuro.

Domanda e offerta e i prezzi delle commodity

Quanto visto, accade anche sulle materie prime. Riprendiamo l’esempio del grano. Se dovesse esserci l’ipotesi di una potenziale diminuzione degli acri coltivati, nonostante l’assenza di certezza, il mercato potrebbe reagire. Meno offerta significa che i prezzi potrebbero aumentare.

I motivi per cui i prezzi potrebbero cambiare sono molteplici. Noi piccoli trader non abbiamo gli strumenti dei grandi istituzionali, né computer enormi per fare HFT, né informazioni privilegiate per sapere quando avviene un’operazione di buy-back. Non possiamo neppure sapere quanti saranno gli acri coltivati il prossimo anno con certezza. 

Ciononostante è possibile essere profittevoli nel trading. Bisogna conoscere le giuste strategie e imparare ad adattarsi in un mercato sempre più burrascoso. Fortunatamente non siamo soli! Unisciti anche tu alla community e vieni a scoprire i corsi disponibili sul nostro canale YouTube.

NUOVE STRATEGIE DI TRADING

pensate per te e da testare su piattaforma DEMO

Mino Ciardo
  • 9 Posts
  • 0 Comments
Appassionato di economia e finanza, dopo una breve parentesi con Forex e Criptovalute, si avvicina al mondo del commodity spread trading. Da vero INTP, i suoi trade non possono prescindere da analisi tecnica e fondamentale.