Covered Call per creare una rendita passiva

Covered Call per crearsi una rendita passiva – Sommario

  • A seguito dell’assegnazione, possiamo mettere a rendimento un titolo grazie alla vendita di opzioni call.
  • Per Covered Call si intende una strategia di trading che si basa sulle opzioni call.
  • Con un uso corretto di questa strategia, possiamo crearci autonomamente un dividendo su qualsiasi titolo.

Covered Call: strategia per monetizzare l’attesa creando una rendita passiva

Prima di approfondire la Covered Call e vedere come sfruttare questa strategia di trading con le opzioni per crearsi una rendita passiva, facciamo un esempio. Sono stato assegnato, che fare ora?

A seguito della recente volatilità altissima, con la discesa repentina dei mercati, siamo stati assegnati prima della scadenza. Abbiamo ora quindi in carico 100 azioni di Disney, prezzo di carico 130$

Che fare? Semplice! Iniziamo a mettere a rendimento il nostro titolo azionario attraverso la vendita di opzioni call.

Covered Call, cos’è:

Quando parliamo di Covered Call ci riferiamo a una strategia di trading che si basa sulle opzioni call.

Devi sapere la strategia Covered Call è poi una delle principali strategie utilizzate da chi sceglie di fare investimenti di lungo termine. Come mai?

Gli investitori scelgono la Covered Call maggiormente per due motivi. È infatti una strategia che aiuta

  • ad abbassare il margine richiesto per operare;
  • a ridurre i rischi correlati alla direzionalità delle operazioni.

Infine, la Covered Call si costruisce attraverso l’acquisto di 100 quote di azioni o ETF e la contestuale vendita di un’opzione call.

Se vuoi saperne di più, ti lascio qui sotto un video molto interessante del nostro esperto Mario Padovani, tra le voci più note dell’Investors Club.

Covered Call, un’altra tecnica per ingannare il tempo con le opzioni

Dopo aver fatto due parole su questa strategia, entriamo nel cuore del nostro articolo.

Vendendo un’opzioni call –covered, ovvero coperta, nel nostro account dalle relative azioni del sottostante, si garantisce il diritto alla nostra controparte di acquistare – call – il nostro titolo ad un prezzo specifico – prezzo dello strike . Questo è possibile se il titolo si trova a quel prezzo o a uno superiore ad una data specifica – data di scadenza

Nel momento in cui si vende l’opzione, si riceve istantaneamente il premio associato all’opzione. Il premio incassato rappresenta quindi la controparte economica del nostro impegno alla vendita.  

Esempio pratico di Covered Call

Considerando il periodo in cui ci troviamo, scorriamo le opzioni a disposizione e ci dirigiamo verso le opzioni estive, quando si spera si sia esaurito l’effetto del cigno nero legato al Covid-19 o Coronavirus.

Call strike 130 scadenza 17 Luglio 2020 paga a contratto 340$, prezzo riferito al momento della scrittura dell’articolo. Procedo quindi col vendere l’opzione. Anche in questo caso, non devo fare altro che attendere il giorno della scadenza dell’opzione.

Cosa succede il giorno della scadenza dell’opzione? Anche in questo caso gli scenari possono essere due. Il prezzo del titolo è superiore o uguale/inferiore a quello dell’opzione (strike).

Se il titolo alla scadenza ha una quotazione inferiore allo strike dell’opzione, questa scade senza valore. Abbiamo incassato il premio della call venduta senza avere ulteriori obblighi.

Pertanto, possiamo procedere vendendo un’altra opzione sulle nostre azioni.

Se il titolo alla scadenza ha una quotazione uguale o superiore, la nostra controparte – ovvero l’acquirente – tramite il nostro broker sposta le nostre azioni dal nostro conto a quello dell’acquirente dell’opzione.

Conclusioni

Anche in questo caso, si può costruire un’autentica ‘catena di montaggio’ basata su questo setup. Un setup basato sul selezionare un titolo azionario solido dalle spiccate prospettive rialziste, vendere put per essere eventualmente assegnati al prezzo deciso da noi, e nel caso in cui dovessimo essere assegnati sul titolo, come nel nostro caso, vendere call per incassare premi.

Anche in questo caso, con un sistema semplice e privo di rischi, andiamo a monetizzare i tempi di attesa legati ai movimenti dei titoli azionari creandoci una rendita passiva legata al semplice detenere in portafoglio dei titoli. Generiamo così, un simil-dividendo anche da quei titoli che non staccano dividendi.

Vuoi sapere qual è il rendimento del titolo Walt Disney dopo 10 anni? Ne avevamo parlato qualche tempo fa in questo articolo.

*Le strategie proposte sono a solo scopo educativo e da testare su piattaforma demo/simulata.

OTTIMIZZA LE TUE PERFORMANCE DI TRADING!

Partecipa senza costi alla Sfida 1000 e testa in simulata le strategie dei nostri Top Trader.

Francesco Mondani
  • 9 Posts
  • 0 Comments
Musicista, amante dell’arte e del design e appassionato di investimenti sin dai tempi del liceo. Con un fiuto per gli affari da fare invidia al miglior venture capitalist, è in grado di riconoscere subito il valore di idee e macro trend del futuro, traendone grossi profitti.