in

Come guadagna Google?

come-guadagna-google
Google motore di ricerca

Sommario – Come guadagna Google?

  • Circa l’80% dei ricavi di Google provengono dalla pubblicità.
  • Più nello specifico, i guadagni sono suddivisi in “Google properties” e “Google Network Members properties”.
  • Il primo riguarda tutta l’attività legata al motore di ricerca, e gli altri servizi associati, come Gmail, Google Maps o Youtube. Il secondo invece si riferisce agli introiti derivati dagli annunci pubblicitari delle pagine web affiliate attraverso AdSense.

Come guadagna Google: Da dove arrivano i suoi ricavi?

In questo articolo parleremo di Google, e da dove arrivano i suoi immensi guadagni, nonostante offra molti servizi completamente gratuiti.

Come sappiamo, Google è il motore di ricerca più utilizzato al mondo. Infatti, il sito Google Search è quello più visitato di sempre.

Tuttavia, questa multinazionale tra le più importanti al mondo ha investito anche in altri settori in forte crescita. Questi vanno dall’intelligenza artificiale al risparmio energetico, fino al settore sanitario.

Google fa parte della Holding Alphabet, una delle società quotate più importanti e influenti al mondo. Attualmente, ha una capitalizzazione superiore ai 1500 miliardi e rientra tra le azioni FANG.

In poche parole, stiamo parlando di un’azienda che in pochi anni ha ottenuto una crescita esponenziale. 

Oggi il suo nome compare anche nel vocabolario italiano, e non solo. Più nello specifico, lo troviamo con la parola “googlare”, che significa letteralmente “fare una ricerca su internet”.

Dunque, oggi proveremo a capire come questo colosso riesca a guadagnare migliaia di dollari ogni secondo che passa.

Bilancio economico di Google

Secondo i dati rilasciati dai principali periodici di stampo economico, Alphabet aumenta in modo costante i ricavi, ogni anno.

Infatti, dai 110 miliardi di dollari di fatturato nel 2017, nel 2020 è arrivato addirittura a superare i 180 miliardi. Fonte: Yahoo Finance

Analizzando più a fondo il bilancio, ci possiamo accorgere che circa l’80% dei ricavi provengono dalla pubblicità.

In sostanza, quasi 150 miliardi di dollari sono stati ricavati soltanto nell’ultimo anno dagli annunci pubblicitari.

Google e il giro d’affari della pubblicità

Da questi numeri possiamo dedurre che Google si sostenta ampiamente, quasi esclusivamente, dall’advertising.

Più nello specifico, il piano è suddiviso in “Google properties” e “Google Network Members properties”.

Il primo riguarda tutta l’attività legata al motore di ricerca, e gli altri servizi associati, come Gmail, Google Maps o Youtube.

Il secondo invece si riferisce agli introiti derivati dagli annunci pubblicitari delle pagine web affiliate attraverso AdSense.

Quest’ultima è un servizio di Google che consente ai proprietari dei siti web di inserire degli annunci riguardanti la propria attività. 

Questi annunci possono comparire in diverse modalità, come banner, annunci testuali, video advertising ecc.

Perché l’advertising di Google è così efficace

Il servizio di advertising di Google è funzionale ed efficace, altrimenti i ricavi non sarebbero così cospicui. Perciò, in che modo riesce a fare tutto questo?

Il vero “oro” che alimenta il sistema adottato da Google, Facebook e altri servizi “gratuiti”, siamo proprio noi utenti. Nel prossimo futuro potremmo vedere il numero di utenti di Google paragonabile a quello della popolazione mondiale.

Big data e Keyword

Più nello specifico, stiamo parlando dei Big Data.

Quando facciamo delle ricerche sul web, lasciamo delle tracce che rivelano tantissimi tratti di noi. Quindi, la forza di Google consiste nel fatto che le persone dicono al suo motore di ricerca cose che non direbbero a nessuno.

Dunque, attraverso le parole digitate da una persona su Google, si può risalire alle proprie passioni, paure, necessità.

Inoltre, diversi algoritmi possono far in modo di trovare le parole più digitate (keyword). Servendosi di quest’ultime, le aziende esterne possono far comparire l’annuncio interessato proprio al giusto target di utenti.

Inoltre, attraverso i Big data è anche possibile fare dei sondaggi, per capire le preferenze inerenti ad una specifica circostanza.

Alla base del marketing c’è proprio l’individuazione delle esigenze, ed è semplice risalire alle nostre. 

In poche parole, attraverso i nostri dati personali e alle nostre ricerche nel web, stiamo di fatto consegnando la nostra intimità.

Conclusioni – Come guadagna Google?

Ad oggi, tutti i siti si servono dei cosiddetti “cookies”. Essi sono dei dati personali che tutti gli utenti rilasciano navigando in Internet.

Questi in teoria servono per migliorare la nostra navigazione, per filtrare gli annunci o le pagine che potrebbero interessarci.

Senza gli stessi dovresti ogni volta selezionare le tue preferenze, lingua parlata, o confermare che non sei un robot.

Tuttavia, si può asserire anche che accettando di essere “tracciati”, accettiamo che vengano continuamente rilevate delle informazioni su di noi.

Quello che ci chiediamo oggi è: in che modo vengono utilizzate queste informazioni?

Google, assieme a Facebook, detengono circa la metà dei ricavi pubblicitari online totali, a livello globale. Naturalmente, dietro l’efficacia di questi mezzi si nasconde anche un pieno controllo su tutti gli utenti.

Tutto ciò non è positivo, né negativo, ma possiamo certamente dedurre che questi colossi hanno il vero potere di oggi: l’informazione.

Autore: Enrico Ciardo

Scritto da Il Team di AB

Il Team di Assistenza Brokers e Alpha4All ti mettono a disposizione le loro conoscenze su trading e investimenti per farti accelerare sui mercati!

Borsa Italiana

Borsa Italiana: storia e origini di Piazza Affari

penny-stock-cosa-sono

Penny Stock: cosa c’è da sapere