Sei pattern tecnici per battere il mercato

Sei pattern tecnici per battere il mercato

PATTERN DI PREZZO: utilizziamoli a nostro vantaggio

 

Tra le varie strategie da usare sul mercato, i pattern di prezzo sono un utile strumento di valutazione ed una valida strategia per ottenere profitto. In questo articolo vedremo i pattern più importanti, in modo chiaro e semplice per poterli mettere in pratica da subito.

Innanzitutto possiamo dire che questi pattern ci danno delle informazioni sul prezzo di un determinato bene o strumento finanziario. Tramite le configurazioni di prezzo si può condurre un’analisi sull’andamento dello stesso facendo una valutazione delle mosse successive, senza l’aiuto di magici indicatori.

Il primo obiettivo di questi strumenti è definire il potere di compratori e venditori.

Se hai notato che i compratori sono più forti dei venditori in un certo mercato, è sensato seguire il trend e andare a mercato per comprare oppure aspettare la rimonta dei venditori e andare short.

Di strategie nuove, più o meno complesse ne arrivano ogni giorno, create da trader che pensano di aver scoperto il segreto per battere costantemente il mercato. Il più delle volte, questi famigerati segreti portano solo al fallimento.

La ragione è che non serve complicarsi la vita. I mercati hanno il loro ciclo di vita che bisogna imparare a conoscere. Solo in questo modo si può pensare di diventare trader professionisti.

Inoltre, non si può pensare di fare trading senza una strategia di rischio e di money management.

Questi due elementi sono più importanti di qualsiasi strategia di trading, perché se applichi delle regole di risk management, anche se perdi il 50% delle operazioni o fai solo operazioni occasionali, riuscirai con il tempo, a trarre profitto.

 

Il trucco vincente

Nella classifica delle priorità del trading, dopo la gestione del rischio e il money management, metterei sicuramente il concetto di “trend principale”. Se entri a mercato contro il trend principale del momento, rischierai di perdere il tuo capitale. 

Inizia col capire in che contesto ti trovi: sei in un bull market (mercato rialzista) oppure in un bear market (mercato ribassista)?

Questo step è la prima garanzia contro le perdite e alcuni trader professionisti chiamano questo concetto “traded time frame”, ovvero la cornice temporale in cui ci si mette a operare.

Il metodo suggerito è molto semplice: usiamo la Media Mobile Semplice a 200 periodi (Moving Average – MA200) per tracciare la linea, come puoi vedere nell’immagine sottostante:

pattern_EMA200

Quando il prezzo supera la MA200 il trend in atto è rialzista, altrimenti, se il prezzo resta sotto la media mobile vuol dire che ci troviamo in un mercato ribassista.

Può essere utile, in base alla tua strategia di trading, usare la media mobile esponenziale (Exponential Moving Average – EMA) piuttosto che quella standard (Simple Moving Average – SMA) perché dà più importanza al prezzo attuale rispetto a quello storico. 

Riassumendo, è più conveniente e meno rischioso restare in linea col trend. Se I compratori dominano il mercato seguili. Se invece sono i venditori ad aver la meglio, faresti bene ad imitarli e a decidere di shortare. 

 

Pattern o configurazioni di prezzo

Le indicazioni che ci vengono fornite dai pattern ci aiutano a capire cosa aspettarci dal mercato (ricorda sempre che non sono infallibili), ecco perché riuscire ad identificare una fase di minimo, di massimo o di continuazione è davvero importante. I mercati solitamente passano da una fase di trend ad una di consolidamento. Oltre a cercare questi pattern in un certo arco temporale, una tecnica potrebbe essere quella di andare a ricercare i pattern con una cornice temporale più alta alla ricerca di tipiche configurazioni che precedono un’inversione o una ripresa del movimento di prezzo. 

Esistono moltissimi pattern ma in questo articolo considereremo quelli più utilizzati e che, nel tempo, si sono mostrati più affidabili per noi e per i più grandi trader del mondo.

Per individuarli bisogna osservare i grafici. Partiamo dal primo.

 

1- Flag o Bandiera – Pattern di Continuazione

I flag e i pennant sono considerati dalla maggior parte dei trader i pattern più profittevoli della famiglia.

Si individuano facilmente e sono piuttosto comuni nei mercato, come puoi vedere dal grafico.

pattern_flag

 

Questo pattern è costituito da un semplice rettangolo che mostra un andamento opposto a quello del trend ed è costruito usando due trend line parallele: una delle condizioni principali per autenticare questa configurazione è che il prezzo deve salire o scendere considerevolmente prima della formazione del pattern.

È questo tipo di configurazione che devi cercare perché offre una buona opportunità di entrata e un rischio bassissimo. Ma cosa significa esattamente questo flag?

Dopo le fasi di forte aumento del prezzo, il pattern si è formato in senso opposto a quello del trend (rialzista). Questi rialzi  indicano che i compratori hanno preso il controllo del mercato e iniziano a trarre profitto dalle loro operazioni. La conseguenza è un ritorno in auge dei venditori che causano un trend di breve periodo opposto al principale. La forza dei compratori però risulta superiore e, appena si rimettono in gioco, il trend bullish principale riprende la sua forza.

 

2- Il Pennant – Pattern di Continuazione

Il pennant è molto simile alla flag vista in precedenza. È un pattern di breve periodo che viene delimitato da linee simmetriche. Il pennant deve avere una direzione neutrale per essere valido e dopo che il pattern è stato rotto, supponendo che prima di ciò il prezzo stesse salendo o scendendo in modo deciso, c’è un’alta probabilità che il prezzo continui nella direzione del trend principale.

pattern_pennant

 

3- Il Rettangolo

Il pattern rettangolo è un semplice paradigma che significa che il prezzo si sta consolidando prima di riprendere il trend dominante. Per poter disegnare un rettangolo valido devi collegare almeno due massimi e due minimi.

Questa configurazione è molto potente e semplice allo stesso tempo. Guarda l’esempio qui sotto.

pattern_rettangolo

Il rettangolo è considerato un pattern di continuazione, quindi, per sfruttare il pattern come opportunità di trading, bisogna aspettare che il prezzo rompa il pattern nella direzione del trend principale.

La logica che sta dietro a questa configurazione è semplice: compratori e venditori sono in piena battaglia, nessuno dei due fronti riesce a dominare. Da un lato, i compratori cercano di spingere in alto il prezzo, dall’altro, i venditori cercano di farlo abbassare. A questo punto non resta che sedersi e aspettare: quando il prezzo romperà il rettangolo nella direzione del trend principale, allora sarà il momento giusto per entrare.

 

4- I triangoli

Le tipologia di triangoli principali sono tre:

  • Simmetrici;
  • Ascendenti;
  • Discendenti.

Il triangolo simmetrico è anch’esso un pattern di continuazione. Quando viene rotto, il prezzo continua nella direzione del trend dominante. Puoi ottenere questa figura collegando due linee convergenti, una che passi su almeno due minimi crescenti e l’altra che passi per almeno due massimi decrescenti.

Il triangolo simmetrico è molto simile al pennant ma con due differenze:

  • ha bisogno dei massimi e minimi;
  • non deve necessariamente essere preceduto da una grande oscillazione.

Guarda il grafico per farti un’idea.

pattern_triangolo-simmetrico1

Il triangolo in questo caso è simmetrico, infatti è costituito da due line che collegano due minimi crescenti e due massimi decrescenti. Una fluttuazione verso l’alto precede il pattern.

Ci aspettiamo che il prezzo, una volta rotto il pattern (breakout), prosegua nella direzione del trend principale.

Per quanto riguarda il triangolo ascendente, questo è simile a quello simmetrico. Bisogna avere due linee, una verticale e una orizzontale per crearlo, come nel grafico sottostante.

pattern_triangolo-ascendente

Vediamo un deciso movimento ascendente che indica che ci troviamo in un mercato rialzista. Il prezzo va a formare un triangolo rialzista. Quando il pattern viene rotto, il prezzo inizia indubbiamente a salire.

La logica di questa configurazione è semplice: i compratori sono più forti perché il mercato è rialzista, mentre i venditori cercano di abbassare il prezzo incontrando un’area di resistenza.

Dopo che il pattern è stato rotto il prezzo sale in modo forte seguendo il trend dominante.

Per quanto riguarda i triangoli discendenti, questi si contrappongono a quelli ascendenti. Per ottenere un triangolo discendente abbiamo bisogno di una linea discendente (quella più in alto) e una orizzontale. La linea discendente è tracciata passando da due massimi decrescenti, mentre quella orizzontale collega due minimi decrescenti.

Dopo il breakout il prezzo scende per un po’ andando a ritestare la resistenza per poi riprendere la discesa seguendo il trend ribassista dominante.

La logica dietro a questo pattern rivela che i venditori stanno facendo abbassare il prezzo e i compratori incontrano la linea di supporto fino alla rottura del pattern, dove i venditori riescono a vincere la battaglia.

 

5- Tazza con manico – Cup with a handle

Questo pattern è molto comune nei mercati che hanno volatilità alta.

pattern_cuphandle

Anche il pattern cup with a handle, come i precedenti, è un pattern di continuazione e la sua logica semplice da spiegare.

Dopo un grande rialzo, i compratori iniziano a prendere profitti. Siccome il movimento rialzista ci mette del tempo per formarsi, anche la correzione avrà una lunga durata.

Successivamente i compratori riusciranno ad abbassare il prezzo cercando di riprendere il trend predominante. Dopo che si è formato un manico, abbiamo un momento di correzione dove i compratori riescono ancora a guadagnare.

Dopo la rottura della linea orizzontale, il prezzo continua a seguire la direzione principale.

 

6 – Il cuneo o wedge

Il pattern wedge è un segnale che può indicare un’inversione di mercato oppure che il prezzo continua nella direzione principale.

Per essere valido il pattern, la discesa di prezzo deve avvenire in direzione opposta a quella del trend principale. Sono sufficienti due massimi decrescenti e due minimi crescenti per tracciare questa figura.

Molti trader usano questo pattern per capire dove andrà il mercato e, se questo segnale è abbastanza forte, si può entrare contro il trend dominante.

Questo grafico mostra un cuneo ascendente.

pattern_wedge

Quando il cuneo inizia a restringersi può essere un indicatore di inversione di tendenza. Nel caso specifico si passa da un trend rialzista a uno ribassista. Come vedi nell’immagine sopra, il cuneo si restringe e, nel momento in cui il pattern viene rotto, il prezzo prima ritesta il trend e poi inverte la direzione.

 

Conclusione

I sei pattern che abbiamo visto in questo articolo sono tra i più utilizzati nei mercati finanziari.

Siccome nel tempo queste figure hanno dimostrato un buon rapporto vincita/perdita, puoi usarli per interpretare il mercato e decidere quando e come entrare ricordandoti sempre di mantenere un solido sistema di Money Management che rispecchi le TUE caratteristiche, la tua propensione al rischio e quelle del tuo conto.

 

[Articolo originale pubblicato il 9 dicembre 2015]

Pagina 1 di 1512310Ultima »