BlackRock: lista nera delle società non sostenibili

BlackRock e la lista nera delle società non sostenibili – Sommario

  • BlackRock pone il cambiamento climatico al centro delle proprie politiche di investimento.
  • Il fondo USA utilizza un processo di escalation per fare pressione sulle aziende in tema di sostenibilità.
  • Sono 244 le aziende nella “lista nera” di BlackRock .
  • Nel mirino del fondo USA entrano anche le tematiche di sostenibilità sociale.

BlackRock pubblica la lista nera delle società non sostenibili e fa sul serio in tema di sostenibilità

Se una società come BlackRock (che, ricordo, è la più grande società di gestione del risparmio a livello mondiale), decide di mettere la sostenibilità al centro delle proprie politiche di investimento, qualcosa di rilevante nel mondo della finanza moderna sta accadendo. 

L’evento è ancora più rilevante se la stessa società, sei mesi dopo, decide di pubblicare la “lista nera” delle aziende non sostenibili

Svolta etica di BlackRock 

Ad inizio del 2020, Larry Fink, lo storico fondatore di BlackRock, nella tradizionale lettera annuale a CEO ed investitori, ha annunciato che la sua azienda avrebbe cambiato approccio nella gestione del rischio climatico. Il fondo USA ha, così, messo in atto una serie di iniziative per attuare la sua strategia.

L’obiettivo è verificare se le aziende in cui investe gestiscono in maniera adeguata i rischi legati alla sostenibilità e forniscono una completa e trasparente informativa in materia. 

Approccio del Fondo USA per fare pressione sulle aziende in tema di sostenibilità

Gli strumenti utilizzati da BlackRock in questo nuovo corso sono sostanzialmente quelli tipici della finanza sostenibile: engagement e azionariato attivo

Engagement

L’engagement può essere definito come il confronto che i fondi di investimento instaurano con le aziende al fine di influenzarne le politiche in tema di sostenibilità e aumentarne il grado di trasparenza. 

Azionariato attivo

L’azionariato attivo è, invece, l’esercizio del diritto di voto in assemblea per promuovere azioni di responsabilità nei confronti degli amministratori o per sostenere mozioni di altri azionisti. 

L’approccio di BlackRock prevede un processo di escalation. Nel caso in cui il fondo non sia soddisfatto delle strategie aziendali in materia di rischio climatico e/o dell’informativa fornita, mette l’azienda “sotto osservazione” (on watch).

Il periodo di osservazione dura dai 12 ai 18 mesi durante i quali l’azienda deve rivedere i propri processi ed adeguarsi alle richieste di BlackRock. Trascorso questo periodo senza che siano stati compiuti progressi rilevanti, la società di investimento procede con il voto in assemblea.   

La lista nera delle aziende non sostenibili secondo BlackRock

Cosa è successo nella prima metà del 2020? 

Ce lo spiega BlackRock in un report dal titolo “Il nostro approccio alla sostenibilità” pubblicato a metà luglio. In questo report il fondo USA ha individuato 244 imprese che non stanno facendo progressi significativi in tema di rischi climatici o di informativa trasparente. 

Aziende bocciate dal Fondo USA 

Di queste 244, 53 aziende sono state “bocciate” dal fondo di investimento USA. BlackRock ha, infatti, esercitato il proprio diritto di voto in assemblea esprimendosi contro la rielezione di uno o più membri del CdA, sostenendo l’azione di responsabilità nei confronti di uno o più amministratori o supportando le mozioni di altri azionisti in tema di rischio climatico.

Le 53 aziende in questione, che includono colossi come Air Liquide, Crevron, Daimler, Lufthansa, ExxonMobil, appartengono a settori differenti.

Predominante è quello energetico con 37 società. Seguono 7 utilities, 4 aziende industriali, 4 del settore materie prime e 1 società finanziaria.

Aziende sotto osservazione  

Le restanti 191 aziende sono state messe “on watch” fino all’ assemblea annuale del 2021. Di queste, alcune sono alle prese con le difficoltà innescate dalla pandemia e dalla crisi economica. Altre stanno lavorando a nuove regole di informativa richieste dalle istituzioni del settore in cui operano. Altre, infine, sono oggettivamente in ritardo nell’implementare politiche a basso impatto ambientale. 

BlackRock ha, inoltre, individuato altre 110 aziende con cui iniziare un’attività di engagement nella seconda metà del 2020. Queste aziende possono classificarsi in due categorie.

La prima include società che sono ancora in una fase iniziale nell’affrontare il rischio climatico. Si tratta di aziende basate nei mercati emergenti e fortemente dipendenti, a livello energetico, dai combustibili fossili come il carbone.

La seconda categoria è, invece, costituita da aziende di settori, come quello finanziario, che saranno chiamate ad affrontare il cambiamento climatico solo in un secondo momento.

BlackRock aderisce a Climate Action 100+

Tra le varie iniziative messe in campo da BlackRock in materia di sostenibilità, va ricordata l’adesione, avvenuta lo scorso gennaio, alla campagna Climate Action 100+.

Si tratta di un progetto che raccoglie oltre 370 investitori a livello globale e ha un valore di asset gestiti pari a 41 mila miliardi di dollari. Lo scopo di questa iniziativa è quello di indurre le aziende a fornire informazioni complete e trasparenti circa gli impatti che il cambiamento climatico avrà sul loro business e le strategie messe in atto per farvi fronte.    

COVID 19 e Sostenibilità sociale

Non c’è soltanto il rischio climatico nel mirino di BlackRock. Il fondo USA ha analizzato, anche, la reazione delle aziende alla pandemia relativamente ad alcune tematiche di sostenibilità sociale, quali politiche retributive, sviluppo dei dipendenti, condizioni lavorative di dipendenti e fornitori, rapporti con la comunità locale.

Secondo BlackRock, le aziende che mantengono i loro impegni su questi temi, anche in periodi di crisi come quello attuale, hanno maggiori probabilità di raggiungere i loro obiettivi strategici. Al tempo stesso sono i grado di creare valore a lungo termine per gli investitori. Per questo motivo, non ha esitato a far sentire la propria voce nelle assemblee di quelle società non in linea con le proprie aspettative in tema di sostenibilità sociale.    

Del resto, proprio questa attenzione alle tematiche sociali spiega, secondo un altro studio di BlackRock, la maggiore resilienza degli investimenti sostenibili rispetto a quelli tradizionali durante il primo trimestre 2020.

In questo periodo, sia Morningstar sia MSCI hanno, infatti, registrato una sovraperformance dei loro indici sostenibili rispetto a quelli più ampi di mercato. I risultati dimostrano che per investire sostenibile non bisogna rinunciare al rendimento.

Siamo ancora all’inizio di un forte cambiamento nel mondo degli investimenti. Il ruolo attivo che BlackRock ha deciso di giocare in questa partita induce, però, a monitorare attentamente le possibili evoluzioni future. Le opportunità di investimento sicuramente non mancheranno. 

Complimenti! Sei giunto alla fine dell’articolo. Cosa vuoi fare ora?

Daniela Tabasco
  • 6 Posts
  • 0 Comments
Appassionata fin da piccola di finanza e investimenti, Daniela sfida magistralmente i mercati da oltre vent’anni. Partita dall’azionario italiano, si è successivamente specializzata in opzioni e commodity spread.